Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Quando era al liceo, ne ha visti di professori cadere nell’errore, o per meglio dire nella tentazione, di influenzare il futuro universitario degli studenti. “Il senso di onnipotenza della classe insegnanti e professori in Italia è nota”. Antonello de Galiziaera bravo nel disegno e non aveva una pagella con tutti otto. Chiaro il messaggio che gli era arrivato: l’ingegneria non era per lui. “Ai giovani si suggerisce di non perseguire la dura strada dell’impegno perché tanto un operaio ‘porta a casa più di te’”. È come se “fare l’università, specializzarsi, avere un profilo qualificato, in Italia non fosse visto di buon occhio”.

Ora, a distanza di più di dieci anni, dopo un dottorato di ricerca in Automatica e Ingegneria informatica e con una carriera ben avviata in Francia, è sempre un vizio scolastico a impedirgli di tornare in Italia, dove una laurea magistrale in Ingegnerianucleare al Politecnico di Milano con votazione inferiore al 100 sbarra la strada a tanti colloqui. “In Francia il mio curriculumè valutato nella sua complessità, e nessuno mi ha mai chiesto il voto di laurea o scandagliato la mia sfera personale”.

In Italia non c’è trasparenza su come viene gestita la sezione careers di molte aziende. Per intenderci, ci sono realtà che fanno cose interessanti, ma sembrano non avere mai posizione aperte

Perché con lo stesso curriculum il 31enne di Fiorenzuola d’Arda(Piacenza) ha convinto Airbus, il più importante costruttore di aeromobili al mondo insieme a Boeing, tra decine di candidati francesi, inglesi e tedeschi, e nel Belpaese non è riuscito neppure ad arrivare a primo colloquio? “Mai come in Italia si fa selezione, troppo facilmente, sulla base del voto finale, che si tratti di quello della maturità o della laurea. Per intenderci, io ho sempre avuto risultati soddisfacenti ma non eccellenti”. Mentre vive a Parigidal 2012, cercare una via per tornare “a casa”, è stato per lui un tentativo di capire come funziona il mondo del lavoro italiano. “In Italia non c’è trasparenza su come viene gestita la sezione careers di molte aziende. Per intenderci, ci sono realtà che fanno cose interessanti, ma sembrano non avere mai posizione aperte”.

Liquida in poche parole il tentativo di ritorno in Italia dopo avere ottenuto un dottorato e un primo impiego in Airbus nella capitale francese, come se la sua storia fosse uguale a quella di tanti altri. Decine di curriculum inviati alle aziende leader del settore energetico italiano, anche per profili junior e senza PhD, e nessuna risposta ricevuta. “Credo che il limite maggiore sia un modello culturale che, partendo dal principio sano e umano dell’aiuto reciproco, scade facilmente in meccanismi di clientelismo e favoritismi basati su conoscenze personali”. Tanto che ora il 31enne non pensa più al suo futuro professionale in Italia, ma in big del mondo dell’informazione e della tecnologia che guardano al settore dei trasporti, come Google e Uber.

In Italia la crisi, oltre che economica, è soprattutto culturale: se uno ha fatto tanto, merita tanto

Quella che traspare dalle parole di Antonello non è rabbia. È abituato a non farsi vincere dalla rabbia chi ha passato le estati a lavorare per pagarsi i primi mesi di alloggio di uno stage all’Electricité de France (EDF) a Parigi, la più grande azienda al mondo per produzione di elettricità. Non ha rabbia chi ha vissuto come normalità non potere andare in vacanza studio, chi viene da una famiglia modesta e vede nei suoi traguardi il riflesso dei sacrifici dei suoi genitori. Eppure, tra le sue parole alla rabbia si sostituisce l’amarezza. Come è possibile che avere un dottorato in Italia riduca le possibilità di trovare un lavoro? “La crisi, oltre che economica, è soprattutto culturale: se uno ha fatto tanto, merita tanto. Ma la meritocrazia non è il forte del sistema italiano”, racconta Antonello dal suo appartamento nel centro parigino, a poche fermate da Porte D’Orleans. Il 31enne ora ha un contratto indeterminato come research engineer (ingegnere di ricerca e sviluppo) all’interno di un progetto internazionale sullo sviluppo di veicoli autonomi e mobilità del futuro, dalle città connesse alle auto elettriche. “La mia storia è quella di uno studente che, pur non avendo i mezzi, è arrivato, contro ogni previsione, a fare l’ingegnere su temi di primissimo piano. Il richiamo dell’Italia è forte: ma come si fa a tornare?”.

Che cos’è il Forum della Meritocrazia

È un'associazione no-profit fondata nel 2011, che ha l'ambizione di rendere l'Italia una comunità meritocratica in cui i valori del merito, distinguibili nell'eguaglianza delle opportunità e nel riconoscimento dei meriti individuali, siano pienamente condivisi e praticati.

Scopri di più su di noi

Se vuoi, tu puoi fare la differenza.

Potrebbe interessarti anche ...

Asmae Dachan

Una storia di merito con la S maiuscola!

@lorematernini

Talent Garden: da un'idea a storia di #merito

Jacopo Tondelli

Dal Corriere a Gli Stati Generali: storia di un giornalista non comune

@lacoppiadeisogni

Arjola Dedaj ed Emanuele Di Marino corrono veloci verso Tokio 2020!

Nuovo consiglio direttivo del Forum della Meritocrazia

Lo scorso 11 aprile, durante l'Assemblea Ordinaria, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Forum della Meritocrazia. I Consiglieri eletti sono: Adani Mattia, Neglia Giorgio, Zaccone Domenico, Origlia Maria Cristina, Zanfrini Laura, Corna Pellegrini Paola, Fontana S...

Premio Valeria Solesin - Terza edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, il Forum della Meritocrazia e Allianz Partners annunciano ufficialmente la terza edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana sul “Il ta...

Nuove Regole per una Società Sana

Un evento rappresentativo del nostro impegno per la sensibilizzazione e diffusione del merito.

Un anno di Merito: la Seconda Edizione del Premio Valeria Solesin

Il 2018 ha confermato il successo del Premio Valeria Solesin, che alla sua seconda edizione ha raccolto candidature di altissima qualità e un rinnovato supporto delle aziende sostenitrici e delle istituzioni.

Un anno di Merito: Giovani Talenti

Un anno di rilancio di progetti con i giovani, come il nostro "Incubatore di Talenti", che è approdato presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Un anno di Merito: Nasce il Meritorg

Dalla sinergia di Giorgio Neglia, Consigliere del Forum della Meritocrazia responsabile del Meritometro, e dalla necessità di innovare le regole del mercato del lavoro, nasce il Meritorg.

L’Italia nella palude della mediocrazia: i risultati del Meritometro 2018

Aggiornamento annuale del Meritometro, l'indicatore scientifico per misurare il livello di meritocrazia di un Paese.

Premio Valeria Solesin - Seconda Edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia annunciano ufficialmente la seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane r...

Chi vuole fuggire dall’Italia? Il 3,8% degli europei vive all’estero

Ogni 25 cittadini europei di età compresa tra i 20 ed i 64 anni, uno vive all’estero. Sempre all’interno dell’Unione, ma oltre i confini del Paese in cui è nato. Lo afferma l’Eurostat, secondo la quale nel 2017 questa situazione riguarda il 3,8% della popolazione. Certamente, ...

La manager che difende le donne sul lavoro: "Non è vero che non ci aiutiamo".

Paola Corna Pellegrini Dirige Allianz Worldwide Partners Italia nel nome della tutela delle diversità. Come consigliere del Forum della Meritocrazia, ha ideato il Premio Valeria Solesin.

Anche il filantropo deve saper scegliere.

La prima regola per fare del bene con successo dovrebbe essere individuare progetti con una strategia precisa e un buon ritorno sociale.

Premio al rettore (che è indagato)

La nomina è avvenuta mentre è sotto inchiesta dai magistrati del ministero della Giustizia per concussione e altri reati e «attenzionato» dal ministero dell’Università

L'Islanda e gli stipendi

La parità tra uomo e donna diventa legge.

Università, un movimento per la trasparenza e il merito.

Il ricercatore: “Isolato perché denuncio”

Il Primario che opera anche di sabato

Colleghi in rivolta, sospeso e poi riammesso. Lui attacca: l’ho fatto per accorciare le attese delle pazienti.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente

In aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015) anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila, +11%).

Merito e bisogni

In questi mesi è tornato centrale nel dibattito pubblico lo slogan Meriti e Bisogni. In queste due parole poste assieme mi sembra vi sia un'analisi ancora molto attuale dei problemi e un nocciolo di possibili direzioni di sviluppo.

Meritocrazia in Italia: una strada in salita

La classe dirigente e l’opinione pubblica italiana hanno minore considerazione dell’importanza della meritocrazia rispetto ad altri Paesi e il Meritometro ne ha misurato oggettivamente le differenze.

In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Parentopoli è un fenomeno che non esiste solo in Italia o negli atenei, ma resta un problema. Che allontana i cervelli. E non attira quelli dall’estero. Le scorrettezze vanno punite.

Perché l’Invalsi va salvato da chi teme la meritocrazia

L’importanza di sottoporsi a una valutazione: lo scontro è tra chi vuole un metro di giudizio unico e trasparente e chi lo rifiuta. 2,2 milioni di studenti ogni anno alla prova.

Lorella Cuccarini: “L’Italia? Non è meritocratica”

“Dobbiamo tornare a investire in cultura. Altrimenti tutti gli artisti se ne andranno all’estero. E dobbiamo investire anche sulla meritocrazia”. Parola di show-girl.

Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Antonello de Galizia, 31 anni, vive a Parigi dal 2012. Ingegnere, in Italia non ha trovato lavoro. Airbus, invece, lo ha scelto fra mille candidati. La sua è una storia (a lieto fine) su cui riflettere…

A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

Ventisette anni e un percorso velocissimo che dall'università l'ha condotta in UK per lavorare in uno dei brand di moda più famosi, Maria Giulia Battaglini racconta la sua esperienza: «Se vuoi, puoi»

I Greci sì che erano veri maestri del merito!

I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia. Quella del corpo, per gli atleti. E quella della mente. Talvolta anche in competizione fra loro. Pitagora, poi, aveva un suo metodo…

Antonio Donnarumma, ennesimo schiaffo al merito

Se il contratto di Gigio rientra nella dinamica di mercato, quello del fratello è il frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano.: un signor nessuno guadagnerà un milione di euro l’anno.