I Greci sì che erano veri maestri del merito!

Una cultura dell’axios, un’axiocrazia, per azzardare un termine greco dimenticato rispetto al ben più noto “meritocrazia”, sostrato di una cultura che smuove l’economia, una questione tutta mediterranea e di matrice greca. Già i sofisti, ampiamente riabilitati all’interno del pensiero filosofico da Diels fino agli studi degli anni ’80 del Novecento, in particolare quelli di Mazzara, ma anche Mourelatos, Casertano, Trabattoni e Bonazzi (nomi di primissimo livello nel panorama della filosofia antica), concedevano il loro sapere “a pagamento”, anzi Protagora proponeva una regola del “soddisfatti o rimborsati”: gli scolari pagavano solo in caso di lezioni soddisfacenti. I poeti, prima dei sofisti, si battevano per l’axiocrazia, per una cultura che riconoscesse ampio valore alla loro professionalità, al loro essere artigiani del verso. Il mercato del sapere, però, potrebbe esser nato coi sofisti. Gorgia era un professionista della comunicazione, un intellettuale di tale grandezza da aver subito un processo di allusione retorica alla maniera di Cicerone: si diceva infatti “fare il Gorgia”, fare cioè l’oratore alla maniera di Gorgia, coniugando retorica e poesia, come già affermato da Roland Barthes. Platone e Senofonte dissero che Socrate si esprimeva alla maniera gorgiana e addirittura Filostrato affermò che Aspasia (prima, e forse unica, sofistessa, secondo il lessico Suda) formò il suo compagno Pericle “alla maniera di Gorgia”. Il sofista, campione di comunicazione e di periautologia (autopubblicità per dirla in termini più attuali), era un buon filosofo e un buon avvocato capace di difendere l’impossibile, come la femme fatale Elena e il traditore Palamede, mettendo un prezzo alla sua sophia: probabilmente 100 mine a lezione e Platone ricorda che Protagora era pagato ancor più di Gorgia, forse anche più dello scultore Fidia. Il Gorgia comunicatore fu un maestro di spot di lancio, come nel caso del suo discorso in difesa del logos: «un potente dinasta, che con corpo piccolo ed invisibilissimo, compie azioni veramente divine; può infatti far cessare il timore, togliere il dolore, produrre gioia e accrescere la compassione», un farmaco capace di risolvere tutto. Gorgia fu anche un cultore della civiltà delle immagini da farsi costruire una statua a Delfi (o a Olimpia secondo altre fonti), mostrando di essere anche lui succube della «dolce malattia per gli occhi», «di quel godimento prodotto da dipinti e statue». Un godimento che poteva permettersi in quanto, secondo Isocrate, era davvero molto ricco, anzi probabilmente «dedicò gran parte della sua vita ad arricchirsi, non abitando in nessuna città stabilmente e non versando imposte», non perché fosse un evasore, ma perché il professionismo culturale, nell’antica Grecia, aveva ancora un valore e un’utilità sociale riconosciuta. E la ricchezza era tanto più consistente a seconda del merito. Socrate, nell’Ippia Maggiore di Platone, si fa un po’ commercialista dei sofisti e di Gorgia ricorda: «venne qui e davanti al popolo ottenne gran fama con i suoi ottimi discorsi e in privato, tenendo conferenze con i giovani, guadagnò e ricavò molti soldi da questa città».
I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia (quella del corpo, per gli atleti e quella della mente, talvolta anche in competizione fra loro). Pitagora sceglieva in base al merito: «Specificamente egli credeva necessario indirizzare gli sforzi verso le scienze e gli studi e stabilire, per i suoi discepoli, prove svariatissime e castighi… Prove, premi e castighi da imporre all’anima col massimo rigore». (Sulle professionalità e sulla comunicazione rimando agli studi di De Martino per i tipi di Levante, in part. quelli sulla pubblicità nel mondo antico e alla nota pubblicazione su Poesia e pubblico nella Grecia antica di Gentili).
Da ultimo segnalo la pubblicazione di Stefania Giombini, presentata durante la sessione Eleatica 2013, che offre uno sguardo complessivo e riassuntivo sul Gorgia epidittico, inserendo un denso commento filosofico a margine. Un commento che ci permette di orientarci meglio nella complessa figura del sofista, fra i professioni più pagati per il suo axios (merito), insieme a Prodico e Ippia, come ricorda Platone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
I Sofisti, a cura di Mauro Bonazzi, prefazione di Franco Trabattoni, Bur, Milano, pagg. 452, € 13,00
Francesco De Martino, Antichità e pubblicità, Levante editori, Bari,
pagg. 878, € 75,00
Franco Trabattoni, Gorgia e Platone. Parola e ragione, Milano, pagg. 110, € 6,20
Stefania Giombini, Gorgia epidittico, Aguaplano, Perugia, pagg. 288, € 20,00

Che cos’è il Forum della Meritocrazia

È un'associazione no-profit fondata nel 2011, che ha l'ambizione di rendere l'Italia una comunità meritocratica in cui i valori del merito, distinguibili nell'eguaglianza delle opportunità e nel riconoscimento dei meriti individuali, siano pienamente condivisi e praticati.

Scopri di più su di noi

Se vuoi, tu puoi fare la differenza.

Potrebbe interessarti anche ...

Asmae Dachan

Una storia di merito con la S maiuscola!

@lorematernini

Talent Garden: da un'idea a storia di #merito

Jacopo Tondelli

Dal Corriere a Gli Stati Generali: storia di un giornalista non comune

@lacoppiadeisogni

Arjola Dedaj ed Emanuele Di Marino corrono veloci verso Tokio 2020!

Nuovo consiglio direttivo del Forum della Meritocrazia

Lo scorso 11 aprile 2019, durante l'Assemblea Ordinaria, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Forum della Meritocrazia. I Consiglieri eletti sono: Adani Mattia, Neglia Giorgio, Zaccone Domenico, Origlia Maria Cristina, Corna Pellegrini Paola, Zanfrini Laura, Fonta...

Premio Valeria Solesin - Terza edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, il Forum della Meritocrazia e Allianz Partners annunciano ufficialmente la terza edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana sul “Il ta...

Nuove Regole per una Società Sana

Un evento rappresentativo del nostro impegno per la sensibilizzazione e diffusione del merito.

Un anno di Merito: la Seconda Edizione del Premio Valeria Solesin

Il 2018 ha confermato il successo del Premio Valeria Solesin, che alla sua seconda edizione ha raccolto candidature di altissima qualità e un rinnovato supporto delle aziende sostenitrici e delle istituzioni.

Un anno di Merito: Giovani Talenti

Un anno di rilancio di progetti con i giovani, come il nostro "Incubatore di Talenti", che è approdato presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Un anno di Merito: Nasce il Meritorg

Dalla sinergia di Giorgio Neglia, Consigliere del Forum della Meritocrazia responsabile del Meritometro, e dalla necessità di innovare le regole del mercato del lavoro, nasce il Meritorg.

L’Italia nella palude della mediocrazia: i risultati del Meritometro 2018

Aggiornamento annuale del Meritometro, l'indicatore scientifico per misurare il livello di meritocrazia di un Paese.

Premio Valeria Solesin - Seconda Edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia annunciano ufficialmente la seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane r...

Chi vuole fuggire dall’Italia? Il 3,8% degli europei vive all’estero

Ogni 25 cittadini europei di età compresa tra i 20 ed i 64 anni, uno vive all’estero. Sempre all’interno dell’Unione, ma oltre i confini del Paese in cui è nato. Lo afferma l’Eurostat, secondo la quale nel 2017 questa situazione riguarda il 3,8% della popolazione. Certamente, ...

La manager che difende le donne sul lavoro: "Non è vero che non ci aiutiamo".

Paola Corna Pellegrini Dirige Allianz Worldwide Partners Italia nel nome della tutela delle diversità. Come consigliere del Forum della Meritocrazia, ha ideato il Premio Valeria Solesin.

Anche il filantropo deve saper scegliere.

La prima regola per fare del bene con successo dovrebbe essere individuare progetti con una strategia precisa e un buon ritorno sociale.

Premio al rettore (che è indagato)

La nomina è avvenuta mentre è sotto inchiesta dai magistrati del ministero della Giustizia per concussione e altri reati e «attenzionato» dal ministero dell’Università

L'Islanda e gli stipendi

La parità tra uomo e donna diventa legge.

Università, un movimento per la trasparenza e il merito.

Il ricercatore: “Isolato perché denuncio”

Il Primario che opera anche di sabato

Colleghi in rivolta, sospeso e poi riammesso. Lui attacca: l’ho fatto per accorciare le attese delle pazienti.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente

In aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015) anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila, +11%).

Merito e bisogni

In questi mesi è tornato centrale nel dibattito pubblico lo slogan Meriti e Bisogni. In queste due parole poste assieme mi sembra vi sia un'analisi ancora molto attuale dei problemi e un nocciolo di possibili direzioni di sviluppo.

Meritocrazia in Italia: una strada in salita

La classe dirigente e l’opinione pubblica italiana hanno minore considerazione dell’importanza della meritocrazia rispetto ad altri Paesi e il Meritometro ne ha misurato oggettivamente le differenze.

In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Parentopoli è un fenomeno che non esiste solo in Italia o negli atenei, ma resta un problema. Che allontana i cervelli. E non attira quelli dall’estero. Le scorrettezze vanno punite.

Perché l’Invalsi va salvato da chi teme la meritocrazia

L’importanza di sottoporsi a una valutazione: lo scontro è tra chi vuole un metro di giudizio unico e trasparente e chi lo rifiuta. 2,2 milioni di studenti ogni anno alla prova.

Lorella Cuccarini: “L’Italia? Non è meritocratica”

“Dobbiamo tornare a investire in cultura. Altrimenti tutti gli artisti se ne andranno all’estero. E dobbiamo investire anche sulla meritocrazia”. Parola di show-girl.

Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Antonello de Galizia, 31 anni, vive a Parigi dal 2012. Ingegnere, in Italia non ha trovato lavoro. Airbus, invece, lo ha scelto fra mille candidati. La sua è una storia (a lieto fine) su cui riflettere…

A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

Ventisette anni e un percorso velocissimo che dall'università l'ha condotta in UK per lavorare in uno dei brand di moda più famosi, Maria Giulia Battaglini racconta la sua esperienza: «Se vuoi, puoi»

I Greci sì che erano veri maestri del merito!

I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia. Quella del corpo, per gli atleti. E quella della mente. Talvolta anche in competizione fra loro. Pitagora, poi, aveva un suo metodo…

Antonio Donnarumma, ennesimo schiaffo al merito

Se il contratto di Gigio rientra nella dinamica di mercato, quello del fratello è il frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano.: un signor nessuno guadagnerà un milione di euro l’anno.