A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

London calling», cantavano i The Clash e, da decenni, nonostante lo scorrere del tempo, non si affievolisce il fascino che la capitale del Regno Unito suscita in migliaia di giovani, curiosi di mettersi alla prova, nello studio o nel lavoro (attraverso i mestieri più disparati…) tra un selfie con sfondo il Big Ben e uno shopping da Harrod’s.

La recanatese Maria Giulia Battaglini

Così è stato anche per Maria Giulia Battaglini, nata a Recanati, 27 anni di fresca bellezza e contagiosa simpatia appena compiuti. Segni particolari, un’innata propensione per il mondo della moda e uno slancio del tutto naturale per i viaggi, perchè «per girare il mondo e provare nuove sfide con un pizzico di entusiasmo e la valigia sempre pronta devi essere portato», racconta lei stessa.

Le manca «il mare, il profumo di questa nostra terra», confida nella video intervista concessa (in pausa pranzo) ad Emmausonline, durante una giornata fatta di meeting e impegni lavorativi serrati.

Senza saperlo, in un accento che tradisce l’origine marchigiana ma che, dopo tre anni ormai, si è ormai meravigliosamente intriso del tocco britannico – «devo iniziare di nuovo a leggere libri in italiano, per non perdere allenamento», confida con quel sorriso giovanissimo eppure già molto consapevole e determinato, proprio come era lei da piccolina -, adopera le medesime parole di un altro giovane concittadino che ha spiccato il volo per studiare in Francia (vedi Qui il servizio): «Se vuoi, puoi». In due parole, cioè, tutta la voglia di non sprecare il proprio talento e credere che ci sono aziende e realtà lavorative pronte a scommettere sulle capacità degli under 30. Italiani compresi, seppur scoraggiati da un sistema che molto esige ma poco premia.

«Qui in Inghilterra esiste la vera meritocrazia che vince ogni paura – racconta Maria Giulia, mentre sceglie con cura le parole giuste per descrivere il suo velocissimo percorso professionale -, e la mia storia testimonia che si può arrivare a ricoprire ruoli di responsabilità, se alla base ci sono la passione e l’impegno autentici».

Dopo l’iter accademico a Bologna, infatti, la nostra recanatese, grazie a delle coincidenze fortuite unite ad una solida preparazione, oggi si trova impiegata presso il marchio Dieselcome visual merchandiser (vale a dire, chi si occupa dell’insieme di operazioni che collocano il prodotto all’interno del punto di vendita in sintonia con la strategia commerciale) coronando così un sogno… cucito addosso. «Se penso alla mia famiglia e all’Italia la nostalgia si fa sentire, senza contare che il tempo grigio tipico londinese non giova all’umore: ma l’idea di ritornare a casa e disperdere l’opportunità che ho trovato qui mi fa molto riflettere….», spiega.

La giovane impegnata nello showroom londinese

Lungi da ogni considerazione pleonastica, è risaputo quanto Londra, così come Parigi, sia in queste settimane al centro della cronaca internazionale, mirino di quella «Terza Guerra mondiale a pezzi», come l’ha definita papa Francesco, in cui gli attacchi terroristici seminano morte e panico quotidiano.

Nonostante la Brexit e i timori per il futuro economico di questa “oasi” così ambìta dai ragazzi, mèta impressa nell’immaginario collettivo per occasioni di svago, apprendimento della lingua più parlata al mondo e chance lavorative, la giovane Battaglini non ha dubbi sulla scelta intrapresa, e ripercorre le tappe, non bruciate ma «colte al volo, in un vero carpe diem!», attraverso cui un colloquio si è trasformato in una conferma che molti suoi connazionali attendono a lungo, purtroppo senza grandi speranze: avere una gratificazione dei propri meriti e conquistare, con forza di volontà, la possibilità di lavorare in un gruppo di lavoro «dove si respira un clima easy, senza pressioni o competizioni».

Già, una chimera per molti italiani, una certezza per quei cervelli che, come Maria Giulia Battaglini decidono non di fuggire ma di realizzarsi oltre confine. Londra, e non solo, chiama, recita la canzone, e «i never felt so much a’ like»: «Non mi sono mai sentito così bene»…

Che cos’è il Forum della Meritocrazia

È un'associazione no-profit fondata nel 2011, che ha l'ambizione di rendere l'Italia una comunità meritocratica in cui i valori del merito, distinguibili nell'eguaglianza delle opportunità e nel riconoscimento dei meriti individuali, siano pienamente condivisi e praticati.

Scopri di più su di noi

Se vuoi, tu puoi fare la differenza.

Potrebbe interessarti anche ...

Nuovo consiglio direttivo del Forum della Meritocrazia

Lo scorso 11 aprile, durante l'Assemblea Ordinaria, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Forum della Meritocrazia. I Consiglieri eletti sono: Adani Mattia, Neglia Giorgio, Zaccone Domenico, Origlia Maria Cristina, Zanfrini Laura, Corna Pellegrini Paola, Fontana S...

Premio Valeria Solesin - Terza edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, il Forum della Meritocrazia e Allianz Partners annunciano ufficialmente la terza edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana sul “Il ta...

Nuove Regole per una Società Sana

Un evento rappresentativo del nostro impegno per la sensibilizzazione e diffusione del merito.

Un anno di Merito: la Seconda Edizione del Premio Valeria Solesin

Il 2018 ha confermato il successo del Premio Valeria Solesin, che alla sua seconda edizione ha raccolto candidature di altissima qualità e un rinnovato supporto delle aziende sostenitrici e delle istituzioni.

Un anno di Merito: Giovani Talenti

Un anno di rilancio di progetti con i giovani, come il nostro "Incubatore di Talenti", che è approdato presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Un anno di Merito: Nasce il Meritorg

Dalla sinergia di Giorgio Neglia, Consigliere del Forum della Meritocrazia responsabile del Meritometro, e dalla necessità di innovare le regole del mercato del lavoro, nasce il Meritorg.

L’Italia nella palude della mediocrazia: i risultati del Meritometro 2018

Aggiornamento annuale del Meritometro, l'indicatore scientifico per misurare il livello di meritocrazia di un Paese.

Premio Valeria Solesin - Seconda Edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia annunciano ufficialmente la seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane r...

Chi vuole fuggire dall’Italia? Il 3,8% degli europei vive all’estero

Ogni 25 cittadini europei di età compresa tra i 20 ed i 64 anni, uno vive all’estero. Sempre all’interno dell’Unione, ma oltre i confini del Paese in cui è nato. Lo afferma l’Eurostat, secondo la quale nel 2017 questa situazione riguarda il 3,8% della popolazione. Certamente, ...

La manager che difende le donne sul lavoro: "Non è vero che non ci aiutiamo".

Paola Corna Pellegrini Dirige Allianz Worldwide Partners Italia nel nome della tutela delle diversità. Come consigliere del Forum della Meritocrazia, ha ideato il Premio Valeria Solesin.

Anche il filantropo deve saper scegliere.

La prima regola per fare del bene con successo dovrebbe essere individuare progetti con una strategia precisa e un buon ritorno sociale.

Premio al rettore (che è indagato)

La nomina è avvenuta mentre è sotto inchiesta dai magistrati del ministero della Giustizia per concussione e altri reati e «attenzionato» dal ministero dell’Università

L'Islanda e gli stipendi

La parità tra uomo e donna diventa legge.

Università, un movimento per la trasparenza e il merito.

Il ricercatore: “Isolato perché denuncio”

Il Primario che opera anche di sabato

Colleghi in rivolta, sospeso e poi riammesso. Lui attacca: l’ho fatto per accorciare le attese delle pazienti.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente

In aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015) anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila, +11%).

Merito e bisogni

In questi mesi è tornato centrale nel dibattito pubblico lo slogan Meriti e Bisogni. In queste due parole poste assieme mi sembra vi sia un'analisi ancora molto attuale dei problemi e un nocciolo di possibili direzioni di sviluppo.

Meritocrazia in Italia: una strada in salita

La classe dirigente e l’opinione pubblica italiana hanno minore considerazione dell’importanza della meritocrazia rispetto ad altri Paesi e il Meritometro ne ha misurato oggettivamente le differenze.

In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Parentopoli è un fenomeno che non esiste solo in Italia o negli atenei, ma resta un problema. Che allontana i cervelli. E non attira quelli dall’estero. Le scorrettezze vanno punite.

Perché l’Invalsi va salvato da chi teme la meritocrazia

L’importanza di sottoporsi a una valutazione: lo scontro è tra chi vuole un metro di giudizio unico e trasparente e chi lo rifiuta. 2,2 milioni di studenti ogni anno alla prova.

Lorella Cuccarini: “L’Italia? Non è meritocratica”

“Dobbiamo tornare a investire in cultura. Altrimenti tutti gli artisti se ne andranno all’estero. E dobbiamo investire anche sulla meritocrazia”. Parola di show-girl.

Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Antonello de Galizia, 31 anni, vive a Parigi dal 2012. Ingegnere, in Italia non ha trovato lavoro. Airbus, invece, lo ha scelto fra mille candidati. La sua è una storia (a lieto fine) su cui riflettere…

A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

Ventisette anni e un percorso velocissimo che dall'università l'ha condotta in UK per lavorare in uno dei brand di moda più famosi, Maria Giulia Battaglini racconta la sua esperienza: «Se vuoi, puoi»

I Greci sì che erano veri maestri del merito!

I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia. Quella del corpo, per gli atleti. E quella della mente. Talvolta anche in competizione fra loro. Pitagora, poi, aveva un suo metodo…

Antonio Donnarumma, ennesimo schiaffo al merito

Se il contratto di Gigio rientra nella dinamica di mercato, quello del fratello è il frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano.: un signor nessuno guadagnerà un milione di euro l’anno.