In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Qualche giorno fa Raffele Cantone ha detto che l’Anac è piena di denunce diParentopoli universitarie e ha riaperto il dibattito sulla (anti)meritocrazia nel nostro Paese.Ha fatto particolarmente scalpore il caso da lui citato delle cattedre di Istituzioni di diritto pubblico alla facoltà di Lettere e di Storia greca a quella di Legge, entrambe appannaggio di figli di docenti, che così aggirano la legge Gelmini che proibisce di assumere figli nella stessa facoltà. Effettivamente la norma Gelmini ci aveva provato a porre un freno al dilagare della parentopoli universitaria ma poi, come si dice, «fatta la legge, trovato l’inganno». Che in questo caso, è ancora peggio della malefatta semplice (quella di mettere il figlio in cattedra nella università di cui si è un barone), perché crea cattedre inutili, che sopravviveranno al pensionamento del beneficiato. Molti rettori e docenti universitari negano che il problema sia ancora così grave, ma purtroppo sono smentiti non tanto dai «cervelli» che emigrano, ma da quelli che non arrivano .

Parentopoli universitaria esiste e Raffaele Cantone può farci ben poco. Sergio Rizzo ci ricorda poi che non si riesce a perseguire penalmente neanche gli imbrogli più conclamati perché i reati cadono in prescrizione e i concorsi truccati restano validi. Allora, che fare? Per rispondere dobbiamo guardare oltre l’università italiana e chiederci se questo dei «figli d’arte», che spesso sono figli del nepotismo, sia un fenomeno solo universitario, solo italiano. Ovviamente no. Nella patria della meritocrazia, gli Usa, la politica ha le sue dinastie, i Kennedy, i Bush, forse in futuro i Clinton. E non si tratta di un fenomeno solo universitario, soprattutto in Italia. Nel nostro Paese gli studi professionali sono pieni di parenti. Parentopoli esiste per esempio in molti studi legali anche se assume forme un po’ diverse. Infatti , se i concorsi da avvocato non sono certamente immuni da spintarelle e segnalazioni, il successo tra gli avvocati non lo fa il concorso, è importante fare praticantato negli studi giusti, avere relazioni e contatti. E in queste cose, la famiglia conta. Succede allora che, se abbondano i casi dove il favoritismo senza pudore forma dei cattivi professionisti, commercianti, artigiani che non si meritano l’attività dei genitori, ce ne sono molti altri dove l’aiuto intelligente di un padre o di una madre può anche aiutare i figli ad avere un successo «meritato».

Purtroppo non è possibile dire a priori quando un figlio ha successo perché aiutato indebitamente e quando lo ha perché i genitori gli hanno trasmesso qualcosa di utile. Lo dirà il tempo. E allora, dato che è comprensibile (e perfettamente legale) il desiderio dei genitori di lasciare ai figli un po’ del proprio patrimonio (che è fatto da titoli di proprietà ma anche di valori, esperienza e relazioni), come si fa a capire se si tratta di sfacciato nepotismo che aggira le regole o invece di casi in cui il rampollo, per genetica, consigli e spintarelle al momento giusto, si ritrova a un certo punto davvero dotato delle qualità, dell’esperienza e delle relazioni che gli fanno meritare il posto che si ritrova? Una risposta ce la fornisce indirettamente lo stesso Rizzo richiamando «l’analogia» di Frati, ex rettore della Sapienza a Roma, che, interrogato sulla rapida carriera universitaria di uno dei suoi numerosi figli-docenti, rispose che nessuno si sognava di chiedere a Paolo Maldini di lasciare la sua squadra solo perché suo padre Cesare era diventato Ct della nazionale. Ha ragione. Ma nessuno ha mai accusato Paolo Maldini di non meritarsi i suoi successi perché li ha ottenuti, evidentemente e in mondovisione, in una accesa competizione. Una competizione vera, in cui non competeva solo lui, come in un concorso, ma la sua squadra di club, e la nazionale.

Lo sport avrà la sua corruzione, le partite truccate e il doping, ma chi gioca innazionale è, mediamente, molto ma molto più bravo di chi fa la partitella di calcetto coi colleghi. Se vogliamo veramente la meritocrazia, dobbiamo quindi inserire una massiccia dose di competizione tra le istituzioni e le organizzazioni che occupano i nostri giovani se vogliamo che li selezionino bene. Nel mondo privato sono tante le aziende e le professioni ancora oggi protette dalla concorrenza (quanti tassisti sono figli di tassisti che hanno combattuto Uber?). E anche nelle università la competizione è possibile e da noi è carente. Nel mondo segue due modelli diversi.Le università private come quelle statunitensi devono competere per donazioni e hanno rette elevate. Le migliori università europee competono invece per i finanziamenti pubblici sulla base di rigorose valutazioni. In Italia abbiamo poche università in grado di attirare finanziamenti privati e certamente non vogliamo le rette a livello delle università Usa. Quindi la soluzione può essere un sistema che combina un po’ i due modelli: autonomia per chi se la merita e può reggersi di più sulle proprie gambe e un controllo pubblico rigoroso per le altre. Se commettono gravi scorrettezze, come nel caso della università in cui è avvenuto lo «scambio di cattedre», il responsabile deve essere il Ministro o almeno il consiglio di amministrazione da lui nominato, non come avviene oggi che nessuna autorità politica o di governo universitario ne risponde e il rettore fa ciò che vuole. Le leggi «blocca figli» in generale servono a poco. La vera meritocrazia non la fanno le leggi ma la concorrenza .

Che cos’è il Forum della Meritocrazia

È un'associazione no-profit fondata nel 2011, che ha l'ambizione di rendere l'Italia una comunità meritocratica in cui i valori del merito, distinguibili nell'eguaglianza delle opportunità e nel riconoscimento dei meriti individuali, siano pienamente condivisi e praticati.

Scopri di più su di noi

Se vuoi, tu puoi fare la differenza.

Potrebbe interessarti anche ...

Asmae Dachan

Una storia di merito con la S maiuscola!

@lorematernini

Talent Garden: da un'idea a storia di #merito

Jacopo Tondelli

Dal Corriere a Gli Stati Generali: storia di un giornalista non comune

@lacoppiadeisogni

Arjola Dedaj ed Emanuele Di Marino corrono veloci verso Tokio 2020!

Nuovo consiglio direttivo del Forum della Meritocrazia

Lo scorso 11 aprile, durante l'Assemblea Ordinaria, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Forum della Meritocrazia. I Consiglieri eletti sono: Adani Mattia, Neglia Giorgio, Zaccone Domenico, Origlia Maria Cristina, Zanfrini Laura, Corna Pellegrini Paola, Fontana S...

Premio Valeria Solesin - Terza edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, il Forum della Meritocrazia e Allianz Partners annunciano ufficialmente la terza edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana sul “Il ta...

Nuove Regole per una Società Sana

Un evento rappresentativo del nostro impegno per la sensibilizzazione e diffusione del merito.

Un anno di Merito: la Seconda Edizione del Premio Valeria Solesin

Il 2018 ha confermato il successo del Premio Valeria Solesin, che alla sua seconda edizione ha raccolto candidature di altissima qualità e un rinnovato supporto delle aziende sostenitrici e delle istituzioni.

Un anno di Merito: Giovani Talenti

Un anno di rilancio di progetti con i giovani, come il nostro "Incubatore di Talenti", che è approdato presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Un anno di Merito: Nasce il Meritorg

Dalla sinergia di Giorgio Neglia, Consigliere del Forum della Meritocrazia responsabile del Meritometro, e dalla necessità di innovare le regole del mercato del lavoro, nasce il Meritorg.

L’Italia nella palude della mediocrazia: i risultati del Meritometro 2018

Aggiornamento annuale del Meritometro, l'indicatore scientifico per misurare il livello di meritocrazia di un Paese.

Premio Valeria Solesin - Seconda Edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia annunciano ufficialmente la seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane r...

Chi vuole fuggire dall’Italia? Il 3,8% degli europei vive all’estero

Ogni 25 cittadini europei di età compresa tra i 20 ed i 64 anni, uno vive all’estero. Sempre all’interno dell’Unione, ma oltre i confini del Paese in cui è nato. Lo afferma l’Eurostat, secondo la quale nel 2017 questa situazione riguarda il 3,8% della popolazione. Certamente, ...

La manager che difende le donne sul lavoro: "Non è vero che non ci aiutiamo".

Paola Corna Pellegrini Dirige Allianz Worldwide Partners Italia nel nome della tutela delle diversità. Come consigliere del Forum della Meritocrazia, ha ideato il Premio Valeria Solesin.

Anche il filantropo deve saper scegliere.

La prima regola per fare del bene con successo dovrebbe essere individuare progetti con una strategia precisa e un buon ritorno sociale.

Premio al rettore (che è indagato)

La nomina è avvenuta mentre è sotto inchiesta dai magistrati del ministero della Giustizia per concussione e altri reati e «attenzionato» dal ministero dell’Università

L'Islanda e gli stipendi

La parità tra uomo e donna diventa legge.

Università, un movimento per la trasparenza e il merito.

Il ricercatore: “Isolato perché denuncio”

Il Primario che opera anche di sabato

Colleghi in rivolta, sospeso e poi riammesso. Lui attacca: l’ho fatto per accorciare le attese delle pazienti.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente

In aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015) anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila, +11%).

Merito e bisogni

In questi mesi è tornato centrale nel dibattito pubblico lo slogan Meriti e Bisogni. In queste due parole poste assieme mi sembra vi sia un'analisi ancora molto attuale dei problemi e un nocciolo di possibili direzioni di sviluppo.

Meritocrazia in Italia: una strada in salita

La classe dirigente e l’opinione pubblica italiana hanno minore considerazione dell’importanza della meritocrazia rispetto ad altri Paesi e il Meritometro ne ha misurato oggettivamente le differenze.

In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Parentopoli è un fenomeno che non esiste solo in Italia o negli atenei, ma resta un problema. Che allontana i cervelli. E non attira quelli dall’estero. Le scorrettezze vanno punite.

Perché l’Invalsi va salvato da chi teme la meritocrazia

L’importanza di sottoporsi a una valutazione: lo scontro è tra chi vuole un metro di giudizio unico e trasparente e chi lo rifiuta. 2,2 milioni di studenti ogni anno alla prova.

Lorella Cuccarini: “L’Italia? Non è meritocratica”

“Dobbiamo tornare a investire in cultura. Altrimenti tutti gli artisti se ne andranno all’estero. E dobbiamo investire anche sulla meritocrazia”. Parola di show-girl.

Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Antonello de Galizia, 31 anni, vive a Parigi dal 2012. Ingegnere, in Italia non ha trovato lavoro. Airbus, invece, lo ha scelto fra mille candidati. La sua è una storia (a lieto fine) su cui riflettere…

A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

Ventisette anni e un percorso velocissimo che dall'università l'ha condotta in UK per lavorare in uno dei brand di moda più famosi, Maria Giulia Battaglini racconta la sua esperienza: «Se vuoi, puoi»

I Greci sì che erano veri maestri del merito!

I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia. Quella del corpo, per gli atleti. E quella della mente. Talvolta anche in competizione fra loro. Pitagora, poi, aveva un suo metodo…

Antonio Donnarumma, ennesimo schiaffo al merito

Se il contratto di Gigio rientra nella dinamica di mercato, quello del fratello è il frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano.: un signor nessuno guadagnerà un milione di euro l’anno.