Affermare il talento femminile

Pubblichiamo di seguito lo speech tenuto dalla nostra Presidente Maria Cristina Origlia per la quarta edizione del Premio Valeria Solesin 2020, dedicato al talento femminile quale fattore critico per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro Paese, in occasione della cerimonia di premiazione il 26 novembre 2020.

 

Costruiamo insieme la gender equality

Un caloroso benvenuto in particolare a tutti i ragazzi che si sono candidati, alle vincitrici, alle aziende sostenitrici, agli enti e istituzioni che ci hanno sempre supportato e alle università, senza le quali sarebbe impossibile ricevere  ogni anno decine e decine di tesi da tutta Italia.

Riprendo il messaggio della ministra Bonetti, che ci ha ricordato quanto il Premio non sia solo un omaggio alla memoria di Valeria, ma anche un richiamo alla responsabilità collettiva nel portare avanti il suo impegno per l’affermazione del talento femminile.

Il lavoro corale, avviato nel 2016, non solo ci ha permesso di premiare più di 45 lavori di laurea con riconoscimenti economici, a fronte di oltre 160 candidature, ma ha anche dato un significativo contributo a una svolta culturale, del paese, nella prospettiva più ampia del Merito.

Non è un caso, infatti, il Premio sia nato nell’alveo del Forum della Meritocrazia, associazione nata nel 2011, con il proposito di promuovere e diffondere la cultura del Merito nel nostro paese, attraverso una serie di progetti concreti che si rivolgono a giovani organizzazioni e istituzioni – pubbliche e provate – in modo da creare un eco-sistema meritocratico, in cui vengano valorizzati i talenti e riconosciuto il valore dello studio, dell’impegno, delle competenze, per ricostruire quel clima di fiducia necessario per il tessuto sociale e lo sviluppo economico.

Dunque, le pari opportunità, (o per meglio dire) l’equilibro di genere per noi è uno dei pilastri del Merito. Perché è chiaro che se fossimo una società/mercato del lavoro più meritocratica– nel senso inclusivo in cui lo intende il FdM, in cui prevalessero anche gli altri pilastri di trasparenza, libertà di fare impresa, mobilità sociale, attrattività dei talenti, qualità del sistema educativo e le regole – allora tutte le discriminazioni sarebbero assai mitigate e tutti trarrebbero vantaggio dal potenziale innovativo e dalla ricchezza delle diversità, tutte, non solo di genere.

 

È ciò che si tocca con mano nelle realtà dove esistono condizioni meritocratiche, da PA ad aziende profit e no profit, a centri di ricerca, sino a livello paese, dove abbiamo anche riscontrato una sovrapposizione tra Meritometro, indicatore del livello meritocratico di un paese (che si traduce immediatamente in competitività) con indicatore di qualità della vita, quindi con ricadute sul benessere, inteso ben – essere.

Credo che guardare alla gender equality da questa prospettiva, che solo apparentemente si allontana,  possa in aiutare a rinnovare e anche alzare il dibattito e le policy per perseguire un obiettivo più condiviso, un’evoluzione dell’intera società, che i tempi che stiamo vivendo richiedono con urgenza – conseguenti in un momento di necessaria progettazione e speriamo rigenerazione, dopo l’acuirsi delle disuguaglianze di genere, e non solo, esplose con la pandemia.

Ora, questo non significa che il tema dell’affermazione femminile non abbia delle specificità, che derivano da secoli di dominio maschile in tutte le discipline, che hanno relegato le donne in un angolo, alimentato false credenze, pregiudizi e stereotipi, tutti molto utili per mantenere saldo il potere.

Ma la buona notizia è che che negli ultimi anni, stiamo facendo importanti passi avanti grazie alla ricerca scientifica, che sta smontando una dopo l’altra le teorie secondo le quali il cervello femminile è inferiore a quello maschile. Mettendo una volta per tutte in chiaro che non ci sono differenze biologiche. E questo – è bene dirlo – è il risultato dell’entrata di più donne nel mondo della scienza, che vi hanno portato una prospettiva di genere.

Parallelamente, stanno anche moltiplicandosi gli studi che cercando le origini di attitudini diverse (v. STEM) e sta emergendo sempre più chiaramente che dipende dall’educazione, dai giochi, dai comportamenti a cui si è esposti sin dalla tenera età.

Poi, certo, l’aumento della presenza femminile nei posti di potere, dal privato al pubblico alla politica sono fondamentali, anche perché portatrici di una leadership solitamente più attenta al sociale e all’ambiente, due temi prioritari dell’agenda attuale.

E figure come quella di Kamala Harris, Ursula Von der Layen, Merkel, ma per stare in Italia, la stessa ministra Bonetti, ma anche la neo rettrice della Sapienza, Antonella Polimeri rivestono una valenza potente nel cambiare l’immaginario delle giovani generazioni.

Detto questo, desidero concludere con un invito alla ragazze giovani e di ogni età – come ho scritto nel libro dedicato al Premio che sarà presentato dopo la Premiazione, che ricordo essere il secondo di una collana del FdM con l’editore Guerini, che ringrazio – l’invito a tenere sempre presente c’è anche una dimensione di responsabilità individuale nel lavorare sulla nostra autoconsapevolezza, nel ricordarci di essere padrone di noi stesse e delle nostre scelte, nel coraggio di farci avanti e di crederci fino in fondo.

In questo percorso, è importante circondarsi di alleati (machi e femmine), costruendo reti relazionali, networking professionali e partecipando ad associazioni. Il Premio Valeria Solesin è anche questo, il FdM è anche questo e offre un programma di mentoring gratuito (v. Incubatore di Talenti), che potrebbe risultare utile a tutte.

 

Maria Cristina Origlia

Presidente Forum della Meritocrazia

26 novembre 2020

Che cos’è il Forum della Meritocrazia

È un'associazione no-profit fondata nel 2011, che ha l'ambizione di rendere l'Italia una comunità meritocratica in cui i valori del merito, distinguibili nell'eguaglianza delle opportunità e nel riconoscimento dei meriti individuali, siano pienamente condivisi e praticati.

Scopri di più su di noi

Se vuoi, tu puoi fare la differenza.

Potrebbe interessarti anche ...

Affermare il talento femminile

Meritometro 2020: risultati e commento

Princeton Survey: l’impatto del Covid-19 sulla meritocrazia

Asmae Dachan

Una storia di merito con la S maiuscola!

@lorematernini

Talent Garden: da un'idea a storia di #merito

Jacopo Tondelli

Dal Corriere a Gli Stati Generali: storia di un giornalista non comune

@lacoppiadeisogni

Arjola Dedaj ed Emanuele Di Marino corrono veloci verso Tokio 2020!

Nuovo consiglio direttivo del Forum della Meritocrazia

Lo scorso 11 aprile 2019, durante l'Assemblea Ordinaria, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Forum della Meritocrazia. I Consiglieri eletti sono: Adani Mattia, Neglia Giorgio, Zaccone Domenico, Origlia Maria Cristina, Corna Pellegrini Paola, Zanfrini Laura, Fonta...

Premio Valeria Solesin - Terza edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, il Forum della Meritocrazia e Allianz Partners annunciano ufficialmente la terza edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana sul “Il ta...

Nuove Regole per una Società Sana

Un evento rappresentativo del nostro impegno per la sensibilizzazione e diffusione del merito.

Un anno di Merito: la Seconda Edizione del Premio Valeria Solesin

Il 2018 ha confermato il successo del Premio Valeria Solesin, che alla sua seconda edizione ha raccolto candidature di altissima qualità e un rinnovato supporto delle aziende sostenitrici e delle istituzioni.

Un anno di Merito: Giovani Talenti

Un anno di rilancio di progetti con i giovani, come il nostro "Incubatore di Talenti", che è approdato presso l'Università "La Sapienza" di Roma.

Un anno di Merito: Nasce il Meritorg

Dalla sinergia di Giorgio Neglia, Consigliere del Forum della Meritocrazia responsabile del Meritometro, e dalla necessità di innovare le regole del mercato del lavoro, nasce il Meritorg.

L’Italia nella palude della mediocrazia: i risultati del Meritometro 2018

Aggiornamento annuale del Meritometro, l'indicatore scientifico per misurare il livello di meritocrazia di un Paese.

Premio Valeria Solesin - Seconda Edizione

Dalla rinnovata sinergia tra aziende e associazioni, Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia annunciano ufficialmente la seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane r...

Chi vuole fuggire dall’Italia? Il 3,8% degli europei vive all’estero

Ogni 25 cittadini europei di età compresa tra i 20 ed i 64 anni, uno vive all’estero. Sempre all’interno dell’Unione, ma oltre i confini del Paese in cui è nato. Lo afferma l’Eurostat, secondo la quale nel 2017 questa situazione riguarda il 3,8% della popolazione. Certamente, ...

La manager che difende le donne sul lavoro: "Non è vero che non ci aiutiamo".

Paola Corna Pellegrini Dirige Allianz Worldwide Partners Italia nel nome della tutela delle diversità. Come consigliere del Forum della Meritocrazia, ha ideato il Premio Valeria Solesin.

Anche il filantropo deve saper scegliere.

La prima regola per fare del bene con successo dovrebbe essere individuare progetti con una strategia precisa e un buon ritorno sociale.

Premio al rettore (che è indagato)

La nomina è avvenuta mentre è sotto inchiesta dai magistrati del ministero della Giustizia per concussione e altri reati e «attenzionato» dal ministero dell’Università

L'Islanda e gli stipendi

La parità tra uomo e donna diventa legge.

Università, un movimento per la trasparenza e il merito.

Il ricercatore: “Isolato perché denuncio”

Il Primario che opera anche di sabato

Colleghi in rivolta, sospeso e poi riammesso. Lui attacca: l’ho fatto per accorciare le attese delle pazienti.

Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente

In aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015) anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila, +11%).

Merito e bisogni

In questi mesi è tornato centrale nel dibattito pubblico lo slogan Meriti e Bisogni. In queste due parole poste assieme mi sembra vi sia un'analisi ancora molto attuale dei problemi e un nocciolo di possibili direzioni di sviluppo.

Meritocrazia in Italia: una strada in salita

La classe dirigente e l’opinione pubblica italiana hanno minore considerazione dell’importanza della meritocrazia rispetto ad altri Paesi e il Meritometro ne ha misurato oggettivamente le differenze.

In università concorrenza vuol dire meritocrazia

Parentopoli è un fenomeno che non esiste solo in Italia o negli atenei, ma resta un problema. Che allontana i cervelli. E non attira quelli dall’estero. Le scorrettezze vanno punite.

Perché l’Invalsi va salvato da chi teme la meritocrazia

L’importanza di sottoporsi a una valutazione: lo scontro è tra chi vuole un metro di giudizio unico e trasparente e chi lo rifiuta. 2,2 milioni di studenti ogni anno alla prova.

Lorella Cuccarini: “L’Italia? Non è meritocratica”

“Dobbiamo tornare a investire in cultura. Altrimenti tutti gli artisti se ne andranno all’estero. E dobbiamo investire anche sulla meritocrazia”. Parola di show-girl.

Qui cv ignorato, in Francia accolto a braccia aperte

Antonello de Galizia, 31 anni, vive a Parigi dal 2012. Ingegnere, in Italia non ha trovato lavoro. Airbus, invece, lo ha scelto fra mille candidati. La sua è una storia (a lieto fine) su cui riflettere…

A Londra la meritocrazia premia e vince sul terrore

Ventisette anni e un percorso velocissimo che dall'università l'ha condotta in UK per lavorare in uno dei brand di moda più famosi, Maria Giulia Battaglini racconta la sua esperienza: «Se vuoi, puoi»

I Greci sì che erano veri maestri del merito!

I Greci fondavano la loro società sulla meritocrazia. Quella del corpo, per gli atleti. E quella della mente. Talvolta anche in competizione fra loro. Pitagora, poi, aveva un suo metodo…

Antonio Donnarumma, ennesimo schiaffo al merito

Se il contratto di Gigio rientra nella dinamica di mercato, quello del fratello è il frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano.: un signor nessuno guadagnerà un milione di euro l’anno.